Home » Giardini del mondo » Spagna » SIVIGLIA » REAL ALCAZAR

SIVIGLIA - Spagna

REAL ALCAZAR

Indirizzo:

Patio de Banderas s/n. C.P. 41004. Sevilla

Orari di apertura:

Da ottobre a marzo: 9:00 (apertura); 17:00 (chiusura); 13:30 (chiusura di domenica e festivi).

Da aprile a settembre: 9:30 (apertura); 19:00 (chiusura); 17:00 (chiusura di domenica e festivi).

Chiuso sempre il lunedì.

Funzione:

Giardino pubblico

REAL ALCAZAR

Clicca sulle foto per visualizzare gli ingrandimenti.


REAL ALCAZAR - Descrizione

Ex fortezza in stile moresco, il real Alcàzar di Siviglia fu eretto nel X secolo durante il primo califfato andaluso di Abd al-Rahma III. Alla struttura originale del palazzo furono apportate modifiche e aggiunte sezioni nel corso dei secoli. Più di altri Alcàzar (palazzo, in arabo) presenti in Spagna, quello di Siviglia è un mirabile esempio di architettura islamico-cristiana, lo stile detto mudejar.
L'Alcazar real di Siviglia è uno scrigno delle meraviglie, con cortili e saloni dall'architettura ibrida: la casa del commercio (costruita per organizzare gli scambi mercantili con il nuovo mondo), il Patio de las Muñecas, il Patio de la Monteria, la Puerta del León e il Dormitorio de los Reyes Moros o il Salón de Embajadores (creato da Carlo V). Ognuno di questi luoghi è una tappa imperdibile, ricolma di bellezza esotica e storia.
Luogo interesante da visitare è di sicuro il "cortile delle fanciulle". Il nome del luogo nasce da una leggenda comune, secondo la quale i mori pretendevano dai regni cristiani di Spagna un dazio di 100 vergini ogni anno, e queste venivano seviziate. Il regista Ridley Scott usò il palazzo per alcune riprese del suo film Le crociate: a tale scopo chiese di ripavimentare il cortile delle fanciulle, per usarlo come scenografia del cortile del Re di Gerusalemme. Alla fine delle riprese il luogo fu completamente restaurato come era in origine.
Un altro salone con una storia curiosa si trova nei bagni di donna Maria de Padilla: una camera per la raccolta dell'acqua piovana situata sotto il patio del crucero. Si racconta che qui Maria Padilla si sfigurò con l'olio bollente per resistere alle avances di Pietro il crudele, che voleva sedurla dopo averne ucciso il marito. Maria decise poi di diventare suora e trasferirsi in convento, e divenne simbolo di purezza per la cultura cristiana del luogo.